Ti fa Bene bio gusto e salute

Sto caricando

  •  +39 080.395.67.51
  • Gusto e salute

    Gusto e salute è il nostro mantra. E' stato semplice racchiudere tutti i punti forza in un brand: nasce e viene registrato il marchio TiFaBene. Il nostro obiettivo era ed è un'alimentazione sana, naturale e biologica senza rinunciare al piacere del palato.

    I nostri BISCOTTI INTEGRALI INTEGRALI SENZA ZUCCHERO sono:

    Naturali perché una lunga lista ingredienti non è MAI segno di QUALITÀ: bastano pochi ingredienti non trasformati dall'industria per realizzare un prodotto buono e ben fatto.

    Artigianali perché ogni biscotto non è mai uguale all'altro, l'imperfezione ci contraddistingue.

    Salutistici perché la tabella nutrizionale dei prodotti TiFaBene indica le proprietà organolettiche di ciascuna referenza e risponde alla normativa europea dei claims nutrizionali per i biscotti integrali: Fonte naturale di fibre e minerali: calcio, ferro e fosforo. Nella tabella viene messa in rilievo la presenza in percentuali superiori rispetto alla media di vitamine, proteina e Sali minerali.

    Spesso la farina bianca subisce processi di raffinazione che tendono a sacrificare una o più componenti nutrizionali dell'alimento invece le farine integrali oltre all'amido, rispetto alla bianca apportano quantità maggiori di fibre, proteine, vitamine e acidi grassi.

    Giuseppe Povia è un pasticciere da più di 40 anni e nelle sue ricette seleziona solo materie prime d'eccellenza. Non solo quindi fiocchi di cereali e farine integrali macinate a pietra, ma nella lavorazione, a seconda della ricetta, scorgerete anche l'olio di girasole, l'olio extra vergine d'oliva, la farina di riso, il cioccolato extra fondente e poi le amate Mandorle biologiche filiera corta.

    Il mandorlo è una pianta robusta e rustica, i suoi semi sono preziosi perché oleaginosi e ricchi in vitamine e proteine. In provincia di Bari, in particolare, la mandorlicoltura era diffusissima e ha influenzato profondamente sia la conformazione del paesaggio agrario sia la cultura popolare: basti pensare al patrimonio di canzoni contadine pugliesi legato alle lunghe e laboriose operazioni di smallatura. In particolare sul territorio del comune di Toritto, al confine tra pre-Murgia e Alta Murgia, si sono sviluppate varie cultivar autoctone. E alcune di queste hanno resistito all'invasione delle più produttive varietà californiane. Si tratta di mandorle che portano il nome di illustri cittadini torittesi: la Antonio De Vito, la Genco e la Filippo Cea di cui sopravvive la pianta "madre" in località Matine di Toritto.

    L'eccezionale profilo organolettico e nutrizionale della mandorla "Filippo Cea" è stato comprovato da vari studi condotti dall'ex stazione agraria e successivamente dall'Istituto sperimentale agronomico di Bari, che hanno rilevato l'elevato contenuto in olio di questo frutto (59,57 %), di cui quasi il 74 % è rappresentato dall'acido oleico, seguito da un 18,6 % di acido linoleico. Questi acidi grassi giocano un ruolo di estrema importanza nell'alimentazione umana, così come riconosciuto dall'Autorità europea per la sicurezza alimentare, che ha autorizzato l'utilizzo di specifici claims salutistici in riferimento a queste molecole e al loro effetto nel contrastare l'aumento della concentrazione ematica del colesterolo". "La "Filippo Cea" contiene tocoferolo, importante componente della vitamina E che, oltre ad espletare un'importante azione antiossidante nell'organismo umano, rallenta i processi di ossidazione degli acidi grassi insaturi, ostacolando i processi di invecchiamento Oltre all'ormai consolidato impiego nelle preparazioni dolciarie, in risposta ai sempre più frequenti casi di malattie metaboliche (intolleranza al lattosio) e alle richieste di una fetta di mercato in continua espansione, qual è quella dei consumatori vegetariani o comunque attenti al consumo di prodotti ecosostenibili e di qualità, è stata avviata la lavorazione del latte di mandorla "Filippo Cea" per la produzione di alternative vegetariane alle classiche produzioni lattiero-casearie.

    Cit. Tommaso Forte, Si chiama "Filippo Cea" la mandorla più buona È l'orgoglio di Toritto, 25/09/2014, La gazzetta del Mezzogiorno.it

    Quindi uno scrigno per le sue caratteristiche di eccellenza: un alto contenuto in olio e acidi grassi polinsaturi, una bassissima acidità e una sapore intenso ma, allo stesso tempo, equilibrato, con note di burro finali. La spiccata pastosità la rende ideale per l'utilizzo in pasticceria. La pasticceria TiFaBene.

    Arte pasticciera oggi rivolta a Tutti: intolleranti alimentari, a chi ha esigenze alimentari specifiche, a chi soffre di celiachia o semplicemente a chi crede che mangiare bene sia la regola e il piacere di ogni giorno.